Il futuro degli smartphone? Un nuovo fattore forma.

Alcuni cambiamenti nel mio flusso di lavoro e fatti come il calo delle vendite degli smartphone mi hanno indotto a riflettere su quale potrebbe essere il futuro di questa piattaforma.

Partiamo da alcune considerazioni. La potenza di calcolo negli smartphone non e’ piu’ un problema, in particolare se guardiamo ai processori usati da Apple: sono ormai potenti quanto i microprocessori usati nei computer e consumano meno energia delle controparti PC.

Le batterie inoltre durano sempre piu’, i sistemi di ricarica sono sempre piu’ veloci e mi auguro che in futuro si trovino modi inusuali per ricaricare le batterie, quali panneli solari integrati o lo sfruttamento del movimento.

Infine poco tempo fa e’ stata presentata una novita’ che cambiera’ secondo me le cose: gli schermi flessibili. Questi schermi permetteranno la creazione di nuove categorie di prodotti, tra cui credo degli “all in one”. Mi spiego: immaginate uno smartphone classico ma che all’occorrenza si apra e riveli al suo interno un secondo schermo pieghevole della dimensione di 8″ circa. Abbiamo cosi’ ottenuto un tablet. Prendiamo poi questo tablet e inseriamolo in una tastiera / dock che fornisca anche varie connessioni (USB, HDMI, ecc.): abbiamo un portatile. Infine prendiamo il dispositivo, lo riportiamo in formato smartphone e lo colleghiamo ad una base che fornisca tutte le porte classiche dei PC e sia collegata ad un monitor di grandi dimensioni, tastiera e mouse: abbiamo un PC desktop.

mDi esperimenti nel campo del multiformato sono stati fatti molti e da molte aziende: Palm, Motorola, Asus, Microsoft e di recente Samsung con il suo DEX. Tutti hanno incontrato scarso riscontro di mercato e il perche’ credo sia da ricercare in due fattori: mancanza di supporto da parte dei sistemi operativi e delle app, mancanza degli schermi flessibili.

Ora, sappiamo che Microsoft e’ da anni al lavoro su un prototipo di dispositivo con schermo flessibile e ha dichiarato che la tecnologia Continuum (quella che permetteva ai Windows Phone di essere usati come PC) verra’ usata probabilmente in futuro. Inoltre Microsoft ha portato Windows sui processori ARM. Sappiamo che Google sta sviluppando Fucsia, un sistema operativo che dovrebbe sostituire Android e Chrome OS. Sappiamo anche che Apple vuole usare i suoi processori, che sono sempre piu’ potenti, e che il mercato degli smartphone in calo impone la ricerca di nuovi prodotti e formati da proporre al mercato.

Tutte questi indizi mi spingono a pensare che entro un paio di anni vedremo i primi nati di una nuova generazione di dispositivi che saranno multifunzione e flessibili (nel vero senso della parola). Serviva solo l’hardware giusto (schermi, potenza delle CPU ARM, batterie, metodi di ricarica veloce) e ora anche la parte sistema operativo sta arrivando. Poi passera’ la parola agli sviluppatori che dovranno adattare le loro app ai nuovi formati. Entro cinque anni mi aspetto questi nuovi dispositivi alla portata di molti.

Credo che il futuro prossimo ci riservera’ delle sorprese emozionanti e nuovi modi di lavorare con gli strumenti informatici.

Un nuovo browser per Microsoft, un pericolo in piu’ per la comunita’

Microsoft ha confermato le indiscrezioni riportate da Windows Central: Edge, il browser di serie di Windows, verra’ riscritto completamente usando Chromium come base. Per chi non lo sapesse, Chromium e’ la basa del browser di Google, Chrome, e di molti altri programmi. I motivi del cambiamento sono la scarsa adozione di Edge, la necessita’ di rendere gli aggiornamenti del programma slegati da quelli di Windows e la voglia di portare il browser anche sulle vecchie versioni di Windows ancora supportate (Seven e 8). Io aggiungerei anche, la voglia di sgravarsi del peso dello sviluppo del motore di rendering e l’ottenere la compatibilita’ piena del futuro browser con la maggior parte dei servizi web.

L’affare e’ grosso perche’ in pratica con l’abbandono da parte di Microsoft dello sviluppo del suo motore di rendering, l’unica alternativa disponibile rimane Geko che e’ il motore di Firefox. Chi ha qualche hanno penso ricordera’ la pessima esperienza che il quasi monopolio di Microsoft con Internet Explorer ha portato alla comunita’ online e come Mozilla ha salvato la situazione riportando concorrenza nel settore.

Avere una alternativa e concorrenza e’ la base per far evolvere un settore, i monopoli non han mai portato nulla di buono. Se non l’avete ancora fatto e’ il momento di provare Firefox e supportare un browser open, free, alternativo, fatto da una no-profit.

Collegamenti:
Articolo di Windows Central
Articolo sul blog di Mozilla